Loading...
Cronologia2021-03-18T11:58:46+01:00

L’ANFIM nasce sulla scia dell’azione del “Comitato dei 320”, formatosi all’indomani della liberazione della capitale dai nazisti, per far luce sulla strage compiuta alle ardeatine, dare sepoltura alle vittime e fornire un sostegno ai familiari.

Leggi tutto

Giugno 1944

8 giugno 1944

Vera Simoni, figlia del generale Simone Simoni, caduto alle Fosse Ardeatine, insieme alla madre, si fa portavoce dei familiari delle vittime nell’incontro con il tenente colonnello John R. Pollock, responsabile del comando alleato di Roma per la pubblica sicurezza: chiede che sia avviata un’operazione per il riconoscimento delle vittime e che a ogni salma sia garantita una degna sepoltura.

10 giugno 1944

Su sollecitazione dei familiari delle vittime, le autorità alleate, in collaborazione con l’Amministrazione italiana, stabiliscono la costituzione della Commissione Cave Ardeatine, presieduta dal sindaco di Roma Filippo Andrea Doria Pamphili, incaricata di approfondire la dinamica dell’eccidio e di agevolare la sepoltura delle salme delle vittime.

Luglio 1944

Luglio 1944

Si costituisce a Roma il Comitato dei 320 che prende possesso della sede, messa a disposizione dal Comune di Roma, in via dei Montecatini 11. Obiettivo del Comitato è garantire il riconoscimento e la sepoltura di ogni spoglia, nonché di aiutare i familiari delle vittime.

2 luglio 1944

La Commissione Cave Ardeatine compie il primo sopralluogo per verificare la situazione delle Fosse Ardeatine e impostare i lavori preliminari all’esumazione delle salme.

10 luglio 1944

Il comando alleato e l’Amministrazione italiana valutano la possibilità di realizzare un monumento in memoria delle vittime delle Cave Ardeatine. I famigliari ribadiscono che il primo obiettivo è quello di assicurare l’identificazione e la sepoltura di ognuno dei loro cari.

27 luglio 1944

Iniziano le operazioni di esumazione, identificazione e sepoltura delle salme delle vittime coordinate dal professor Attilio Ascarelli a cui si affianca Ugo Sorrentino, direttore della Scuola di Polizia Scientifica di Roma.

Protagonisti del penoso lavoro di messa in sicurezza e disinfestazione dell’area sono i Vigili del fuoco di Roma che garantiranno l’assistenza lungo tutto l’arco di sviluppo dei lavori di identificazione.

Marzo 1947

24 marzo 1947

Nell’anniversario dell’eccidio, mentre il Sacrario è ancora in costruzione, alle celebrazioni partecipa una folla commossa. Tra famigliari delle vittime, partigiani e compagni di lotta si riconosce il presidente del consiglio Alcide De Gasperi.

Aprile 1947

26 aprile 1947

Nasce a Roma, nello studio del notaio Augusto Bavai, l’Associazione Nazionale fra le Famiglie Italiane dei Martiri trucidati dai nazifascisti. Amedeo Pierantoni è eletto primo presidente.

Le carte fondative

Marzo 1954

24 marzo 1954

Nel decimo anniversario dell’eccidio, alle celebrazioni partecipa il presidente della Repubblica Luigi Einaudi, che compie una breve visita al Mausoleo accompagnato da Leonardo Azzarita, presidente dell’ANFIM.

Marzo 1964

24 marzo 1964

Nel ventesimo anniversario dell’eccidio, alle celebrazioni partecipa il presidente della Repubblica Antonio Segni, che depone una corona d’alloro sulla lapide posta all’ingresso delle Cave Ardeatine e consegna la Medaglia d’Argento al Valor Civile alla vedova del professor Attilio Ascarelli.

Marzo 1997

24 marzo 1997

Il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro partecipa alle celebrazioni in occasione del 53° anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Torna in cima